Bojack Horseman

bojack horsemanGrazie alla cara vecchia Netflix sono diventata grande appassionata di Bojack Horseman, cartone animato realizzato per la mia spacciatrice di serie TV e film preferita e disegnato dalla fumettista Lisa Hanawalt. Ciò che mi piace maggiormente di questo cartone non è lo humor o il cinismo che lo permea, ma il senso di straniamento che provoca. L’universo di Bojack Horseman infatti è popolato sia da esseri umani che da animali antropomorfi che, per quanto siano in tutto identici alle persone tranne che per le loro fattezze, mantengono comunque un minimo dei tratti della loro specie di appartenenza, creando a volte situazioni grottesche. Read more Bojack Horseman

Antipatie irrazionali cinematografiche

Capita a tutti di avere delle simpatie o delle antipatie a pelle, e per quanto queste sensazioni possano essere ingannevoli e rivelarsi spesso infondate, di frequente ricorrono anche per quel che riguarda i personaggi pubblici o gli attori e gli interpreti di film e serie televisive.
In questo post, vi esporrò la top 10 list delle mie antipatie irrazionali riguardanti i personaggi dello show-biz in ordine crescente di intolleranza, e ci tengo a sottolineare che queste mie antipatie non hanno alcuna base fuorché…Il pregiudizio (più o meno)!  Dunque non valgono niente e se mai avrò un giorno l’occasione di prendere un caffè con uno di questi personaggi prometto che darò loro l’occasione di farmi ricredere 😛. Pronti? Via! Read more Antipatie irrazionali cinematografiche

Strangers in The Web

socialOggi in questo post vorrei trattare un argomento a mio parere interessante e controverso, ovvero la dinamica sociale che si instaura tra follower e “personaggio generico del web”.
Con questa definizione intendo blogger, youtuber, instagrammer, twitstar e chi più ne ha più ne metta, insomma le figure più o meno pubbliche che si mettono allo scoperto sul web scegliendo di condividere con il mondo determinati aspetti della loro vita e della loro professione. Read more Strangers in The Web

5 miti da sfatare su chi non ama cucinare

Carlo Cracco, il Goebbels dei fornelli (cit.)
Carlo Cracco, il Goebbels dei fornelli (cit.)

Questo post nasce per scherzare sulle cose che spesso mi vengono dette perché non amo stare ai fornelli, e non ha alcun intento polemico verso chi è un mago delle pietanze (anche perché sono figlia di un’artista in cucina, il 90% dei miei amici cucina da dio e mio suocero adora sperimentare ai fornelli), ma è una frecciata ai “gastrosboroni” dell’ultim’ora. Per gastrosborone intendo gli hipster della cucina, coloro che si sono fatti fare il lavaggio del cervello da programmi come Master Chef e mettono alla gogna con impeto poser coloro a cui, di cucinare, non gliene frega una bega, proprio come me :P. Pronti? Cominciamo!

Read more 5 miti da sfatare su chi non ama cucinare

Un esempio di graphic novel a scopo educativo: “Caffeina d’Europa”

Caffeina d'europaIspirata da uno spettacolo visto di recente e di cui prossimamente vi parlerò e poiché da sempre convinta della funzione educativa di alcune graphic novel, vi propongo questa mia analisi/riflessione riguardo alla graphic novel “Caffeina d’Europa” di Pablo Echaurren, che vi consiglio caldamente di leggere, soprattutto se il futurismo è un periodo storico che vi affascina o semplicemente vi incuriosisce vederne un’interpretazione che va al di là dei libri di storia. Read more Un esempio di graphic novel a scopo educativo: “Caffeina d’Europa”