Cronache giapponesi, parte 11 – Kamakura e Roppongi

Stavo guardando un episodio di Girls in cui Shoshanna lottava contro l’alienazione e la solitudine provate dopo il suo trasferimento in Giappone. Ad un certo punto quando un altro personaggio, Yoshi, ha rivelato nell’episodio di essere originario di Kamakura… ODDIO, KAMAKURA! Le cronache giapponesi! Mi sono persa per strada l’ultimo capitolo: cattiva blogger, cattiva!

giphy
Dunque cerco di rimediare e concludo parlandovi della nostra ultima tappa prima di tornare a Tokyo e trascorrere l’ultimo giorno di adorato cazzeggio: Kamakura, la città a prova di Tsunami!

2015-08-29 03.30.24Premetto che, a primo impatto, non avrei mai detto che questa città un tempo sia stata la prima capitale del Giappone feudale: Kamakura infatti ha proprio l’aspetto di una città di mare tranquilla, con persone che vanno in bicicletta a prendere il giornale, chioschetti e ragazzi che tornano placidi a casa da scuola o di abitanti delle grandi metropoli che vi si recano per rilassarsi (dista infatti un’ora di treno da Tokyo). Ah, e pubblicità (o almeno, penso siano tali, se qualcuno sa il giapponese mi corregga) con Maison Ikkoku!

Eppure Kamakura ha il merito di avere un passato ricco di sfarzo che si è sovrapposto ad una diffusione del buddhismo su larga scala, motivazione per cui in questa città si possono trovare tanti templi e, soprattutto, il Daibutsu, il Grande Buddha, che più che una statua è una vera e propria super star.

2015-08-29 04.05.02Questa statua è alta quasi 12 metri e pesa ben 850 tonnellate, ed è il secondo Buddha più grande del Giappone (il primo si trova a Nara, di cui ho parlato in questo post); è inoltre stato veramente carino vedere che, accanto al Buddha, si possono trovare anche le sue scarpe, per onorare la credenza secondo la quale un giorno il Buddha si sveglierà e alzerà.

Kamakura inoltre è una città a prova di tsunami perché, considerata la posizione e la vicinanza del mare e il fatto che sia una zona considerata altamente sismica, offre per le strade indicazioni e rifugi di sicurezza per affrontare nel modo migliore e il più organizzato possibile un eventuale imprevisto ambientale: le strade dunque presentano spesso questo tipo di immagini, che indicano dove si deve andare in caso di terremoto o tsunami. Lo stesso Daibutsu nel 1495 si trovava in origine in un edificio che è stato spazzato via da uno tsunami, ma ha resistito e non è stato portato via dalle onde. Si può anche entrare all’interno del Buddha pagando circa una ventina di yen, per poter vedere come il Daibutsu è stato assemblato.2015-08-29 03.38.49

2015-08-29 05.01.20Anche il tempio Enno-ji è molto bello da vedere, specialmente perché in esso si trovano delle statue che rappresentano le divinità infernali e che hanno il compito di decidere il destino di quelle anime che sarebbero destinate in Occidente ad andare nel così detto Purgatorio. Non essendoci questa “via di mezzo” , sotto lo sguardo severo di Yama, la divinità indù che regna gli inferi (un po’ come il nostro Ade), le anime vengono smistate o verso la felicità o la dannazione eterna. Altra conferma della mia tesi secondo cui negli anime e nei manga lo spazio per la finzione è poca e si rappresenta la realtà nipponica così com’è sono le sacerdotesse buddhiste, che sono praticamente uguali a Sailor Mars! Bellissime.

2015-08-29 03.58.06Kamakura ci ha offerto un grande senso di pace: abbiamo fatto una passeggiata lungo il mare, ammirato delle sculture di sabbia, ci siamo rifocillati con un bento e poi siamo tornati a Tokyo. 2015-08-29 05.14.06La nota più movimentata della giornata si è verificata al ritorno, mentre stavamo andando in stazione, e siamo stati fermati da degli studenti delle superiori che, pensando fossimo appena arrivati, si sono offerti di farci fare una visita guidata della città per esercitare il loro inglese. Quando li abbiamo ringraziati dicendo loro che però il nostro treno sarebbe ripartito da lì a poco, di fronte alla loro difficoltà nel capire cosa avevamo detto loro abbiamo temuto che si impiccassero in stazione per quanto si stavano disperando. Ma con pazienza e anche qualche gesto, abbiamo sventato la tragedia, anche se questo episodio non ha fatto altro che confermare che in terra nipponica tutti, soprattutto i giovani, hanno mooooooolte difficoltà con l’inglese 😛 (non che in Italia sia così diversa la situazione eh).

2015-08-29 10.04.202015-08-29 10.11.07L‘ultimo giorno a Tokyo abbiamo voluto fare i fighetti e siamo andati a Roppongi, uno dei quartieri più modaioli e sofisticati di Tokyo, e abbiamo visitato Roppongi Hills, un complesso di negozi, ristoranti, uffici e anche qualche museo di dimensioni stratosferiche.
Nota: se siete amanti del vintage, il Giappone di darà un sacco di soddisfazioni, ovunque. E’ infatti molto comune trovare negozi di cose di seconda mano, firmate e in ottime condizioni, a prezzi davvero convenienti, e anche a Roppongi abbiamo potuto vedere negozi dell’usato di fianco a negozi che vendono prodotti delle griffe più blasonate.

2015-08-29 10.08.16Oltre però alle chicche modaiole, una delle cose che più mi ha entusiasmato di Roppongi è stata la sede della Asahi TV! Sicuramente molte trasmissioni appartengono a generi che non ci sono ignoti, come le serie poliziesche in stile CSI o i cartoni animati di Doraemon, arrivati anche in Italia. Ma poi ci si imbatte in personaggi come la signora di cera della foto qui a fianco e…Insomma…Adoro!!! Io voglio sapere chi è!!!

2015-08-29 10.24.31Ordunque, si concludono le nostre cronache nipponiche. Sebbene siano state protratte per mesi spero che non le abbiate vissute come una lunga agonia, ma come dei post che vi hanno tenuto compagnia e (spero) tolto qualche curiosità :).

Il Giappone in ogni caso è un paese meraviglioso che, possibilità economiche e tempistiche permettendo ovviamente, andrebbe visto almeno una volta nella vita: è un vero e proprio altro pianeta, pieno di contraddizioni ma soprattutto di fascino, ordine, storia e civiltà.

Ma non pensate di esservi sbolognati così le cronache di viaggio: tra qualche mese infatti…Sarà il turno della Thailandia ;)!