Cartoni, Serie TV e Film: le 5 morti più traumatiche

Madre_della_MorteGalvanizzata dal ripristino della connessione internet (con cui negli ultimi giorni ho avuto non pochi problemi) e felice del poter tornare a sprecare altre decine di ore della mia vita davanti a Netflix e ai Social Network, torno a scrivere parlando di un allegro e gioioso argomento che volevo affrontare da tempo, ovvero: la top 5 di quelle che per me sono state le morti più atroci e tristi di personaggi inaspettati di serie televisive, film e cartoni animati! Questo post ovviamente è pieno di spoiler, dunque entrate a vostro rischio e pericolo nel godervi la classifica in ordine crescente di alcuni di quelli che sono tra i miei tanti motivi per i quali dovrei andare a farmi vedere da “uno bravo”.

Waylon-Smithers-Sr-The-Simpsons5) Il padre di Smithers (I Simpson)

Sapete già molto bene quanto ami i Simpson, ma a volte anche i nostri sarcastici amici dalla pelle gialla hanno portato sui nostri schermi scene abbastanza agghiacchianti. Una di queste è la morte del padre di Smithers, che perirà in modo eroico salvando la città di Springfield e il figlio neonato dall’avvelenamento da radiazioni. Peccato che il signor Smithers Senior verrà privato di una sepoltura decorosa, per essere poi ritrovato da un giovane Homer nelle acque vicine alla centrale nucleare in evidente stato di decomposizione e traumatizzando il giovane Simpson. Inoltre il Signor Burns, mentendo a Smithers sulla morte del padre e dicendogli che è stato ucciso da una tribù di donne dell’Amazzonia, può aver avuto un ruolo nel determinare la paura che Smithers ha delle donne, che si ricollega in modo comico alla sua omosessualità nascosta e al suo amore per il signor Burns (un amore nato da quando è in fasce, dato che da neonato la sua prima parola è stata “Signore”, rivolta a Burns)

ted-mosby-tracy-mcconnell-hospital-how-i-met-your-mother4) Tracy/La Madre (How I Met Your Mother)

Dopo un’infinita sequela di squinzie sciape o pazze con cui l’antipaticissimo Ted Mosby ci ha frantumato le gonadi, metaforiche e non, finalmente abbiamo potuto conoscere Tracy, l’adorabile mammina della serie televisiva di How I Met your Mother. Il personaggio di Tracy, possedendo tutti gli elementi per cui Ted Mosby risultava irritante e a tratti patetico, paradossalmente era adorabile: simpatica, ironica, goffa, con gli occhioni dalle lunghe ciglia. Tracy, o la ragazza con l’ombrello giallo, aveva già un posto prenotato nel nostro cuoricino. E poi…L’incontro con Ted, il matrimonio, i figli, la malattia, l’ospedale e LA MORTE. Dopo nove stagioni, vedere in televisione la morte di Tracy è stato come rivivere la morte della mamma di Bambi. Qualcosa da cui difficilmente mi riprenderò e al cui solo pensiero mi viene il magone.

perla3) Perla (I Griffin)

Nell’episodio in cui Brian è costretto a fare da badante ad una signora anziana dopo essere stato scoperto mentre guidava in stato d’ebrezza, viene introdotto il personaggio di Perla, inizialmente mostrata come una vecchia acida che non esce di casa da 30 anni. Successivamente però si scoprirà che Perla è stata una talentuosa attrice teatrale, la quale però veniva riconosciuta e apprezzata dal pubblico soltanto per via delle pubblicità e dei jingle che registrava, cosa che l’ha portata a chiudersi in isolamento in casa. Dopo molte tribolazioni, Brian riesce a convincere finalmente Perla ad uscire, ma sebbene lei abbia superato le sue paure, viene investita da un camion: negli ultimi istanti di vita, Perla e Brian riescono ad avere una simulazione della loro vita insieme grazie ad un macchinario che simula una realtà virtuale. Lacrime infinite.

artax2) Artax (La Storia Infinita)

La Storia Infinita è stato un film culto della mia infanzia e innumerevoli volte nei miei giochi mi auto-attribuivo modestamente il ruolo dell’Infanta Imperatrice. Eppure, oltre all’amore per la lettura e per il reame immaginario di Fantàsia, La Storia Infinita mi ha anche donato il dolore assurdo per la morte di Artax, il cavallo di Atreiu. A pensarci bene ora come ora il povero Artax può essere stato benissimo un parente del “pono pomellato” del Boss delle cerimonie, ma questa presunta parentela non mi toglierà mai il tristissimo ricordo della sua morte nelle Paludi della Tristezza, dove si lascia sprofondare mentre il povero Atreiu lo chiama e piange come un vitellino (e io con lui).

ellie1) Ellie (Up)

Penso che la morte del personaggio di Ellie di UP sia stata per me una delle più strazianti in assoluto. Ho avuto più di vent’anni per metabolizzare le morti di Mufasa o della già citata mamma di Bambi e per crearmi una più o meno solida corazza di cinismo e disillusione pensando ERRONEAMENTE di essere pronta a guardare ogni tipo di cartone, quando poi la Disney bella bella arriva con i primi 10 minuti di UP e…Boom. La vita di Carl ed Ellie in dieci minuti è servita, con tanto di gioie, tanti dolori e infine la morte di lei. Ciò che ha reso il tutto più angosciante è il susseguirsi delle vicende con protagonisti super chibi, con testoni, occhioni disneyani e via dicendo.

Con questa ventata di allegria vi domando: quali sono state le morti di cartoni, film o serie TV che più vi hanno immerso in una valle lacrimarum? Se vi va, condividete i vostri traumi televisivi nei commenti :)!

  • Kana Shimi

    Anche io ho pianto come una fontana per Up. Ma devo dire che a traumatizzarmi davvero è stato Inside Out, anche se non ha niente a che fare con la morte. Ha toccato delle parti di me troppo profondamente, tanto che l’ho visto al cinema e ho dovuto fare uno sforzo enorme per trattenere le lacrime (non ci sono riuscita, e considera che io non piango MAI al cinema). E non solo alla fine, come pensano in molti: ho cominciato a soffrire appena è comparsa Gioia e ho continuato per tutta la durata del film. Anche adesso che ne sto scrivendo mi viene da piangere.
    La storia infinita io l’ho visto più di una volta da piccola e mi piaceva pure, ma non so perché ho rimosso tutto. Come se non l’avessi mai visto. Mi ricordo solo il cane volante, nel senso che ce l’ho presente, ma non so nemmeno che tipo di personaggio fosse. Bah.

    • E’ vero, anche Inside Out ha un messaggio bellissimo e molto più profondo di quanto possa sembrare (e tra l’altro l’ho trovato un film delizioso).